Costa d'avorio

Il nostro progetto in Costa d'Avorio e il progetto del Gruppo Abel per una sala multimediale.

Madagascar

In Madagascar per la scolarizzazione: formazione per gli insegnanti e un'aula informatica per l'istruzione.

Kenya

In Kenya dal 2009 ad oggi: i nostri progetti per creare laboratori informatici per le scuole.

Burundi

Il nostro progetto in Burundi per un centro informatico che permetta ai gioveni di studiare.

Brasile 2011

In Brasile per la costruzione di un’aula multimediale presso la parrocchia di Sao Joao De Meriti

Rwanda

Rwanda, dispensario di Muyjnga, a nord est di Kigaly.

 
Ti trovi qui: News ยป Notizie dal Messico  

News

13-08-2018

Agosto tanzania

Agosto tanzania

Agosto in Tanzania

 
11-07-2018

Riprende la scuola in Tanzania

Riprende la scuola in Tanzania

Riprende la scuola in Tanzania

 
11-07-2018

Festa in Tanzania

Festa in Tanzania

 
22-05-2018

Ringraziamenti

Ringraziamenti

 
03-05-2018

inaugurata la sala informatica di Sarnano

2 maggio 2018: inaugurazione scuola di Sarnano

 
25-04-2018

After computer room with adults

After computer room with adults

After computer room with adults

 
25-04-2018

sarnano

Nuova aula di Sarnano

 
25-04-2018

Allestimento aula di Sarnano

Allestimento aula di Sarnano

Allestimento aula di Sarnano  

 
25-04-2018

sarnano

sarnano

sarnano

 
16-04-2018

formazione in aprile

formazione in aprile

formazione in aprile

April formation

 

Notizie dal Messico

Notizie dal Messico

Cari amici di Know How Solidale,



speriamo che stiate tutti bene.Qui a Oaxaca, nel Messico sud-orientale,nonostante le elezioni per il rinnovo del Governo Statale e la dura protesta degli insegnanti contro la Riforma Educativa, negli ultimi sei mesi le attivitá promosse dalle associazioni Gruppo Abele, SiKanda e Centro Comunitario Vicente Guerrero si sono svolte in maniera regolare, come dimostrato dalla soddisfazione espressa da un numero di partecipanti e beneficiari in continuo aumento dall’inizio dell’anno.



I corsi di informatica inpartiti nel Centro Comunitario Vicente Guerrero, che come sapete si trova a meno di un kilometro dalla piú grande discarica di Oaxaca, hanno attirato l’interesse non solo dei bambini e degli adolescenti che frequentano la scuola, ma anche di persone adulte.

Nel mese di settembre sono stati registrati 118 partecipanti di età compresa fra i 13 e i 15 anni. I corsi sono impartiti da personale locale specializzato a gruppi di massimo 20 partecipanti composti in base all’età degli stessi.



Inoltre, grazie alla qualitá dell’aula, al buon lavoro realizzato dal personale del Centro Comunitario e alle richieste provenienti della popolazione, nel mese di giugno ha preso avvio un corso di formazione realizzato in collaborazione con l’Istituto Statale per la Formazione Professionale e l’Avviamento al Lavoro, destinato ai maggiori di 16 anni. Tale collaborazione fa sì che i diplomi di informatica rilasciati abbiano riconoscimento pubblico e valore curriculare, il che è molto importante se si considera che molti dei partecipanti sono persone che per varie ragioni hanno abbandonato presto la scuola e che svolgono lavori non professionalizzati e con basse remunerazioni.



Una delle tante storie che si possono citare é quella della signora Alejandra, 38 anni di etá, che durante una delle ultime visite che abbiamo fatto al Centro ci raccontava: “Lavoro da piú di 20 anni come venditrice alla Parisina (una catena di grandi negozi di tele e tessuti), molte di quelle che hanno iniziato a lavorare insieme a me oggi sono in amministrazione o fanno la supervisione. Io invece visto che non ho un buon diploma e che non ho mai saputo usare il computer, ho ancora il ruolo di venditrice e il mio stipendio è quasi lo stesso di venti anni fa. É per questo che quando mia figlia, che va a scuola e frequenta i corsi qui nel Centro Comunitario, mi ha detto che insegnavano l’informatica anche agli adulti e che il diploma aveva valore ufficiale ho subito pensato che era l’occasione buona e sono corsa a prendere informazioni. Abbiamo iniziato i corsi il mese scorso, due volte a settimana nel tardo pomeriggio. Gli insegnanti sono molto pazienti e ci insegnano bene. Io sto facendo progressi e sono sicura che riuscirò a prendere il diploma.”



Come giá detto nel report del mese di marzo, la nuova aula di informatica che Know How Solidale ha finanziato e realizzato nel dicembre del 2015 rappresenta un’eccellenza unica in una zona dove circa 15.000 persone vivono in condizioni di carenza di beni e servizi essenziali, come ad esempio l’acqua corrente o il sistema fognario.



Dopo la realizzazione del mobilio, anch’esso finanziato da Know How Solidale, anche la bilioteca ha aperto le proprie porte all’inizio del mese di maggio. Si tratta di uno spazio accogliente e luminoso nel quale ci si sente a proprio agio. Nella biblioteca vengono realizzate varie attività come riunioni, corsi e formazioni, ma in generale sono i bambini che la “sfruttano” maggiormente riunendovisi durante il pomeriggio per leggere o giocare a dama. Approfittando di tale predilezione dei più piccoli, la biblioteca è anche lo spazio dove vengono impartiti i corsi di lettura.



Tanta soddisfazione da parte dei beneficiari ci ha motivato ad andare avanti nella ricerca di alleanze e sostegni per continuare a sviluppare il Centro Comunitario Vicente Guerrero. Mentre vi scriviamo queste righe si sta ultimando la costruzione della nuova biblioteca, che è stata finanziata da una fondazione messicana ed ha una superficie di oltre 70 m2. Ci sarà più spazio per i libri, per i tavoli, per giocare, per studiare e per stare insieme. Il locale che attualmente ospita la biblioteca verrà adibito a ufficio e sala riunioni.

Dulcis in fundo, grazie ad un progetto finanziato dalla Caritas Antoniana, il 21 Ottobre inizieremo la costruzione di una eco aula che sarà adibita a ludoteca e destinata agli utenti più piccoli del Centro Comunitario. L’aula sorgerà a fianco della nuova biblioteca e sarà realizzata utillizando una combinazione di materiali tradizionali e materiali riciclati, essendo il suo tratto distintivo una struttura prefebbricata in legno che si riveste con cartoni di Tetrapack e si “riempie” con bottigliette di PET riciclate.



Vi daremo conto della costruzione dell’eco aula e dell’andamento delle altre attività con il prossimo aggiornamento.