Costa d'avorio

Il nostro progetto in Costa d'Avorio e il progetto del Gruppo Abel per una sala multimediale.

Madagascar

In Madagascar per la scolarizzazione: formazione per gli insegnanti e un'aula informatica per l'istruzione.

Kenya

In Kenya dal 2009 ad oggi: i nostri progetti per creare laboratori informatici per le scuole.

Burundi

Il nostro progetto in Burundi per un centro informatico che permetta ai gioveni di studiare.

Brasile 2011

In Brasile per la costruzione di un’aula multimediale presso la parrocchia di Sao Joao De Meriti

Rwanda

Rwanda, dispensario di Muyjnga, a nord est di Kigaly.

 
Ti trovi qui: Progetti » Costa d'avorio » Discorso presentazione  

Discorso presentazione

Gentilissime e Pregiate Autorità
(Sig. Ambasciatore Italiano in Costa D'avorio, Sig. Sindaco, Sigg. Deputati...Sig...)

Know how solidale è una giovane associazione onlus, nata nel 2009.

Realizziamo aule multimediali perchè consideriamo il computer e l'informatica come STRUMENTO DI COMUNICAZIONE e di ricerca globale.

La nostra MISSION è quella di costruire tali aule all'interno delle scuole; finora ne abbiamo costruite 4: 2 in Kenya, 1 in Brasile e 1 in Madagascar e a dicembre di quest'anno saremo in Burundi.

L'aula multimediale che stiamo inaugurando oggi ci auguriamo sia uno strumento che possa aiutare i giovani ad affrontare le sfide future.



Il risultato che voi vedete è frutto della solidarietà di molte aziende italiane che hanno contribuito in modo costruttivo alla realizzazione degli obiettivi della nostra associazione.

Nonostante la crisi che ormai toglie ossigeno all'economia, la solidarietà è sempre molto più grande.

Siamo orgogliosi di farvi conoscere un aspetto di quell'Italia che si impegna a favore delle popolazioni meno fortunate del sud del mondo.

Siamo qui come nuclei familiari, perchè vogliamo condividere con voi il nostro futuro, così come in passato abbiamo condiviso il pane con il Vescovo Mons. Joseph Akichi in onore del quale ed in onore di due nostri cari, Galdino Fabris, papà di Antonella e Giuseppe Bovo, papà di Carlo, Paolo e Giampietro, ora stiamo per inaugurare questa aula multimediale.

Essa rappresenta la gioia, la speranza la fiducia, dei giovani e di tutti gli Ivoriani di Grand-Bassam.

Se voi sentite attraverso i mass-media notizie più o meno insignificanti, sappiate che ci sono anche degli Italiani che senza rumore, nè luce della ribalta hanno il piacere di lavorare e donare, per costruire insieme a voi un avvenire di pace.